Spedizioni Express in 24/72 ore - Gratis da € 29,99 - Non trovi un prodotto chiamaci allo 0882392248

Spedizioni Express in 24/72 ore - Gratis da € 29,99 - Non trovi un prodotto chiamaci allo 0882392248

LE ALLERGIE STAGIONALI

LE ALLERGIE STAGIONALI

21/05/2020 17:16:00 | Piufarma

Le allergie stagionali sono dovute all’esposizione a sostanze volatili (come i pollini), presenti solo in determinati periodi dell’anno, specialmente in primavera, estate o autunno, a seconda di quale sia il fattore scatenante dell’allergia. La primavera  infatti, è il periodo in cui la concentrazione aerea di pollini è più alta, e perciò la stagione in cui le allergie raggiungono il culmine.

I SINTOMI

I sintomi più caratteristici delle allergie primaverili sono a carico delle mucose delle vie respiratorie e delle mucose oculari e più precisamente:

-          SINTOMI NASALI: starnuti, ostruzione nasale, secrezione acquosa, prurito;

-          SINTOMI OCULARI: prurito, lacrimazione, fastidio alla luca, congiuntiva arrossata ed edematosa;

-          SINTOMI A CARICO DELL’APPARATO RESPIRATORIO: tracheite con tosse stizzosa ed asma bronchiale. L’asma si osserva nel 30-40% dei casi di pollinosi e sembra più frequente negli allergici alla Paritaria.

DIAGNOSI

-          Valutazione medica;

-           Test cutaneo o un test allergene-specifico con dosaggio delle immunoglobuline.

La diagnosi di allergie stagionali si basa sui sintomi e sulle circostanze in cui si manifestano, ossia se si verificano solo in determinate stagioni. Queste informazioni possono consentire ai medici di identificare l’allergene. In genere non è necessario eseguire test, ma occasionalmente viene esaminata la secrezione nasale per verificare se contiene eosinofili (un tipo di globuli bianchi prodotti in grandi quantità durante una reazione allergica).

ESAMI PER ALLERGIE

prick test cutanei possono confermare la diagnosi e permettere l’identificazione dell’allergene. Per questi test, una goccia di ogni estratto viene applicata sulla superficie cutanea del soggetto e poi fatta penetrare con un ago. Quindi, si osserva l’eventuale reazione eritemato-pomfoide (una tumefazione pallida, leggermente in rilievo e circondata da una zona arrossata).

Se i risultati del test cutaneo non sono chiari si procede a un test allergene-specifico con dosaggio delle immunoglobuline (IgE). Per questo esame, viene prelevato ed analizzato un campione di sangue.

 

TRATTAMENTO

SINTOMI NASALI: Generalmente gli spray nasali a base di corticosteroidi sono molto efficaci e vengono usati come primo rimedio. La maggior parte di questi spray ha pochi effetti collaterali, anche se può causare epistassi e naso dolorante.

Un farmaco antistaminico, assunto per via orale o come spray nasale, può essere usato al posto od oltre allo spray a base di corticosteroidi. Gli antistaminici vengono spesso usati con un decongestionante.

Gli antistaminici possono avere effetti collaterali che includono sonnolenza, bocca secca, visione annebbiata, stipsi, difficoltà a urinare, confusione e stordimento.

Anche i decongestionanti sono disponibili come farmaci da banco, sotto forma di gocce nasali o spray. L’utilizzo non deve protrarsi per molti giorni perché l’impiego continuativo per una settimana o più può peggiorare o prolungare la congestione nasale (effetto rimbalzo) e causare congestione cronica.

SINTOMI OCULARI: L’applicazione di un collirio normale (come le lacrime artificiali) può contribuire a ridurre l’irritazione. Bisogna evitare qualsiasi sostanza che possa causare una reazione allergica. Le lenti a contatto non devono essere portate durante gli episodi di congiuntivite. I colliri a base di antistaminici e un farmaco che determina il restringimento dei vasi sanguigni (vasocostrittore) possono essere spesso efficaci.

COSA FARE PER EVITARE I POLLINI?

Tutto quello che si può fare è mettere in pratica alcune precauzioni elementari:

- ridurre la permanenza all’aria aperta nella stagione pollinica, soprattutto nelle giornate secche e ventose o quando l’erba è stata tagliata di recente;

- Chiudere le finestre verso sera quando la concentrazione dei pollini nell’aria è massima;

- Nel programmare le ferie conviene conoscere il calendario pollinico della meta delle vacanze. In genere nelle zone marine la densità del polline è inferiore.

Prima di iniziare qualsisi tipo di terapia consultare sempre il proprio medico curate e/o il farmacista di fiducia, nessun articolo può sostituire i loro consgili.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...